giovedì 13 aprile 2017

Elezioni 2017 a Feltre, il Movimento 5 Stelle scioglie la riserva: è Moreno Scopel il candidato sindaco

Dopo aver ottenuto la certificazione dallo staff nazionale di Beppe Grillo, il Movimento 5 Stelle di Feltre scioglie la riserva e ufficializza il nome del proprio candidato sindaco.

Sarà Moreno Scopel il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle per le prossime elezioni comunali di Feltre. 53 anni, nato a Varese nel 1963. Sposato con tre figli. Lavora come operaio specializzato presso un’azienda metalmeccanica locale, della quale è stato anche rappresentante sindacale per circa una decina d’anni.  Nel tempo libero si occupa di agricoltura, in particolare si dedica alle coltivazioni e produzioni naturali. Crede fermamente nella valorizzazione dei prodotti locali del territorio. Amante della natura e di escursionismo, pratica arti marziali (Jūjutsu). Già attivo nel mondo del volontariato, per diversi anni è stato impegnato nelle attività locali del WWF. Attivista storico del Movimento 5 Stelle, alle elezioni comunali del 2012 è stato il candidato consigliere più votato, primo fra i non eletti: per pochi voti non è entrato in consiglio comunale. In questi cinque anni è stato uno dei più stretti collaboratori del consigliere uscente Riccardo Sartor.

«In questi mesi abbiamo fatto una lunga serie di incontri, e con grande impegno di squadra abbiamo lavorato sul programma e messo insieme la lista di candidati per poi, fra questi, individuare insieme il candidato sindaco» spiega il consigliere uscente Riccardo Sartor, primo ed unico “grillino” a salire sul Colle delle Capre cinque anni fa nel 2012.

«Non è stata necessaria alcuna particolare votazione, la scelta è stata unanime ed è ricaduta su Moreno, uno dei primissimi protagonisti del Movimento 5 Stelle feltrino -  afferma Sartor – Lui ha lavorato molto per il Movimento in questi anni, è sempre stato presente alle riunioni e alle attività, mi ha supportato nel mio compito di consigliere comunale. Passo il testimone ad una persona per la quale nutro massima stima e fiducia. È la persona giusta per proseguire l’avventura iniziata 5 anni fa».

«A breve organizzeremo una conferenza stampa per presentare pubblicamente il candidato sindaco, la lista dei candidati consiglieri e il nostro programma, che è in fase di ultimazione – annuncia Sartor - La lista è composta da 15 candidati, 5 donne e 10 uomini, nel rispetto della normativa sulla rappresentanza di genere. La squadra è molto determinata, i candidati sono tutte persone valide e le idee per questa città non mancano».

 

Nel frattempo il Movimento ha avviato la raccolta delle sottoscrizioni per presentare la lista. «Per poterci candidare la normativa prevede di raccogliere almeno 175 firme – spiega Sartor, che sta gestendo in queste settimane la parte burocratica - Per tutto il mese di aprile saremo presenti in centro con alcuni gazebo nelle giornate di martedì mattina e di sabato pomeriggio. Chiediamo ai feltrini di aiutarci. Mettere la propria firma significa dare la possibilità al Movimento 5 Stelle di partecipare alla competizione elettorale».

mercoledì 5 aprile 2017

Borgo Ruga, Sartor e Zallot: “Incrocio pericoloso, ripristinare le vecchie precedenze”


La viabilità di Borgo Ruga continua a far discutere, in particolare l’inversione delle precedenze nell’incrocio fra via Luzzo, via Crispi  e via Marescalchi, voluta dall’Amministrazione comunale con l’avvio della nuova viabilità cittadina. Sulla questione intervengono i consiglieri di minoranza Riccardo Sartor e Giulio Zallot, che già in consiglio comunale avanzavano perplessità su questo intervento, e che ora bocciano senza appello. «In questi mesi abbiamo raccolto tantissime segnalazioni di automobilisti che hanno riscontrato in più occasioni difficoltà nell’attraversamento dell’intersezione del Borgo».

Diversi gli aspetti che vengono evidenziati. «Lo stop di via Marescalchi non permette un’adeguata visibilità sui veicoli provenienti da via Luzzo, nemmeno con la presenza di uno specchio parabolico, a causa dello spigolo del fabbricato che ospita il panificio. Inoltre quello stop, posizionato in salita, può creare difficoltà di ripartenza per i veicoli (e fortunatamente quest’inverno non vi sono state particolari nevicate!)».

«Anche lo stop istituito in via Crispi, di fronte al Crown pub, non consente un’adeguata visibilità dei veicoli provenienti da via Luzzo, ed inoltre rischia di creare incolonnamento di auto lungo l’asse Crispi-Marescalchi che è quello più trafficato rispetto all’asse Luzzo-Borgo Ruga. Da più parti si segnalano difficoltà per chi scende da via Luzzo nell’effettuare la svolta a destra su via Crispi senza invadere la corsia opposta; talvolta bisogna attendere che i veicoli liberino lo stop davanti al Crown per poter effettuare completamente la svolta». Secondo i due consiglieri di opposizione queste criticità «rappresentano, a nostro parere, un pericolo per la sicurezza e mettono a repentaglio l’incolumità degli utenti della strada. In diverse occasioni si sono rischiati incidenti fra i veicoli». Da qui le considerazioni finali. «Le prime analisi di traffico sugli effetti della nuova viabilità evidenziano un aumento di traffico lungo la direttrice Crispi-Marescalchi con ben 8 mila transiti in più a settimana a salire dall’incrocio dell’Uniera verso il Borgo, a fronte di un calo di 1.500 veicoli nella direzione opposta, mentre via Luzzo con il doppio senso presenta meno traffico di quando era a senso unico. Considerato quindi lo scarso afflusso di veicoli su via Luzzo e l’incremento di veicoli lungo l’asse Marescalchi-Crispiappare ingiustificata l’inversione delle precedenze nell’intersezione di Borgo Ruga voluta dall’amministrazione». I due consiglieri chiedono quindi che sia ripristinato il vecchio sistema delle precedenze, come in vigore prima delle modifiche introdotte dal PGTU, restituendo la precedenza ai veicoli lungo l’asse Crispi-Marescalchi, fermando i veicoli provenienti da via Borgo Ruga e da via Luzzo.