giovedì 7 aprile 2016

Trivelle, il Movimento 5 Stelle Feltre invita a votare SI al referendum del 17 aprile


Il Movimento 5 Stelle di Feltre si schiera a favore del “Sì” in vista del referendum sulle trivellazioni che si svolgerà il prossimo 17 aprile e sprona i cittadini ad andare a votare.
 «È un referendum importante e siamo tutti chiamati a partecipare, consapevoli che è una prima risposta permettere al riparo i nostri mari dalle attività petrolifere» dichiara Riccardo Sartor, portavoce 5 Stelle a Feltre.  «L'energia fossile rappresenta il passato. È fondamentale spingere la politica a fare quei passi verso le energie rinnovabili che in altri paesi europei sono stati fatti negli anni passati e che in Italia sono al palo, o quasi».

«Non possiamo mettere a repentaglio il nostro fragile equilibrio ambientale; il Mediterraneo è un mare chiuso e le conseguenze di un eventuale disastro petrolifero sarebbero gravi ed irreversibili. Gli impianti attualmente presenti sul mare italiano rappresentano già un grande pericolo per le coste (con effetti su pesca, fauna, turismo) rispetto alla bassa quantità e alla scarsa qualità di petrolio estratto. Inoltre il Ministero dello Sviluppo Economico ha stimato che tutto il petrolio presente sotto il mare italiano sarebbe appena sufficiente per coprire il fabbisogno nazionale per appena 8 settimane. Bucare i fondali non risolverà la nostra dipendenza energetica dall’estero».

Una vittoria dei sì consentirebbe comunque di estrarre idrocarburi entro le 12 miglia dalla costa, ma solo fino alla scadenza delle attuali concessioni e non a tempo indeterminato fino all’esaurimento dei giacimenti.

Da qui l’appello dei pentastellati: «Dobbiamo andare a votare e dobbiamo votare sì. L’astensione e il “no” fanno gli interessi delle grandi multinazionali e di Renzi, che sta tentando di boicottare il referendum. Per scongiurare il quorum il governo non ha voluto accorpare il referendum alle elezioni amministrative, sprecando così 300 milioni di euro di soldi pubblici».

«Partecipare al referendum rappresenta la massima espressione di democrazia in un paese civile» conclude Sartor «per questo auspico la più ampia partecipazione di tutti i cittadini». 

domenica 3 aprile 2016

Feltre-Primolano, M5S: “Si riparta dallo studio di fattibilità del 1999 senza perdere altro tempo!”

Apprendiamo dalla stampa locale – per voce del deputato Roger De Menech -  che il presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi è particolarmente interessato alla realizzazione del collegamento ferroviario Feltre-Primolano e che la provincia di Trento “è disponibile ad intervenire nella progettazione con un sostanzioso impegno finanziario”.

De Menech ritiene indispensabile avviare gli studi per capire la fattibilità del collegamento. Forse al deputato è sfuggito qualcosa, ma uno studio di fattibilità sulla Feltre-Primolano esiste già e certifica la fattibilità, tecnica ed economica, di questa nuova ferrovia!
Elaborato dai tecnici Baccega, Savi e Cappelletti, su commissione del Comune di Feltre nel 1999, lo studio prevede un tracciato di circa 18 km, pendenza massima del dodici per mille (compatibile anche per un eventuale traffico merci), con partenza dalla stazione di Primolano, passaggio in galleria sino ad Arsiè, attraversamento in trincea della piana di Fonzaso, transito in galleria sotto l’Aurin, e arrivo a Feltre lungo il corso del torrente Stizzon.

Il Consigliere M5S Riccardo Sartor
I progettisti che realizzarono lo studio affermano con convinzione che quel percorso risulta ancora attualissimo, salvo alcuni accorgimenti, e che l’opera è realizzabile con un costo di circa 150 milioni di euro, che certamente non é una cifra astronomica introvabile (si faccia un paragone con la Pedemontana Veneta che costa oltre 3 miliardi di euro!).

Il Movimento 5 Stelle, che in questi mesi ha fortemente contribuito ad innescare un nuovo dibattito su quest’opera, rispolverando un progetto dimenticato per anni in un cassetto, chiede alle istituzioni di riprendere in mano quello studio e di aggiornarlo! Visto il forte interesse della Provincia di Trento a questa progettualità, si colga la palla al balzo e non si aspetti altro tempo!

Riccardo Sartor
Consigliere Comunale Movimento 5 Stelle Feltre