martedì 14 ottobre 2014

Otto per mille all'edilizia scolastica, il M5S sollecita la giunta a presentare richiesta di accesso ai fondi

Ogni anno, in occasione della dichiarazione dei redditi, il contribuente italiano può effettuare una scelta in merito alla destinazione dell’8 per mille del gettito IRPEF. 

A partire dal corrente anno, grazie ad un emendamento del Movimento 5 Stelle alla Legge di Stabilità 2014, che ha modificato la legge 222/1985 che regolamenta l'8 per mille, lo Stato può destinare il proprio 8 per mille – oltre che ad «interventi straordinari per la fame nel mondo, calamità naturali, assistenza ai rifugiati, conservazione di beni culturali» – anche per «ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica». 

Le pubbliche Amministrazioni possono presentare richiesta di accesso a questi fondi entro il 30 ottobre (inizialmente il termine era fissato per il 30 settembre, ma è stato prorogato di un mese proprio grazie alle pressioni fatte dal Movimento 5 Stelle nella commissione parlamentare).

Il Movimento 5 Stelle di Feltre - senza attendere il prossimo Consiglio Comunale per presentare mozioni o interrogazioni (la data della seduta, infatti, non è ancora stata stabilita) - ha sollecitato l’Amministrazione Comunale, qualora non l’avesse già fatto, a presentare formale richiesta, entro e non oltre il 30 ottobre 2014, di accesso ai fondi destinati dall’8 per mille all’edilizia scolastica, chiedendo anche di rendicontare successivamente in Consiglio Comunale e/o nella Commissione Consiliare in merito all’accoglimento della richiesta e alla destinazione d’uso dei fondi eventualmente accordati.

Il Movimento, si legge nella nota protocollata in Comune e firmata dal capogruppo Riccardo Sartor, ritiene che “tra gli interventi che l’Ente ha il dovere istituzionale, ma soprattutto etico e morale, di mettere tra le priorità della propria azione amministrativa sicuramente ci sono gli edifici di istruzione primaria di competenza comunale” e sottolinea che “sul territorio di Feltre sono presenti edifici scolastici di proprietà comunale che necessitano di interventi di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico”.

mercoledì 1 ottobre 2014

Domanda di attualità: trasparenza comunicativa pagamento Tasi

Abbiamo chiesto in Consiglio Comunale se l'amministrazione ha ritenuto di distribuire ai cittadini un vademecum sul pagamento del nuovo tributo Tasi. Il 16 ottobre scadono infatti i termini per il pagamento della prima rata e numerosi cittadini ad oggi non sanno se e quanto dovranno pagare. Molti, nella confusione comunicativa creata dai nuovi acronimi di tasse, credono che il comune invii loro il bollettino precompilato per il pagamento del tributo, servizio che attualmente non è previsto nel comune di Feltre. Ebbene nei prossimi giorni ciascun nucleo famigliare del comune riceverá un'informativa con tutte le indicazioni sul pagamento della Tasi. Il calcolo dell'importo da versare puó essere effettuato direttamente sul sito del Comune, oppure rivolgendosi all'Ufficio tributi o ancora, a pagamento, dal proprio commercialista o ai Caaf.

Di seguito il testo integrale della domanda di attualità presentata.

Oggetto: Trasparenza comunicativa pagamento TASI
 

PREMESSO
Che il 16 ottobre scadono i termini per il pagamento della prima rata del tributo TASI;


RILEVATO
Che numerosi cittadini feltrini ad oggi ancora non sanno se e quanto dovranno pagare;


Che molti cittadini nella confusione comunicativa creata dai nuovi acronimi di tasse, il cui risultato finale evidente è solo di non far comprende quanto si paghi e per cosa, credono che il comune invii loro il cedolino per il pagamento del tributo, servizio che attualmente non è previsto nel comune di Feltre;


Che i cittadini, non ricevendo a casa nessun bollettino precompilato, dovranno preoccuparsi di calcolare o farsi calcolare - presso l’ufficio tributi del Comune oppure, a pagamento, dal proprio commercialista o ai Caaf - il valore della tassa;
 

EVIDENZIATA l’importanza della trasparenza comunicativa da parte della Pubblica Amministrazione;
 

SI CHIEDE DI SAPERE
- se e con quali modalità l’Amministrazione comunale ha comunicato ai cittadini le informazioni necessarie per il pagamento del tributo;


- se l’Amministrazione ritiene utile preparare una pubblicazione o un vademecum come promemoria/guida esplicativa da distribuire a cittadini, a mezzo posta o tramite altre modalità che raggiungano tutti i residenti, che informi della scadenza e dia indicazioni, in maniera semplice, per comprendere cosa e come debba essere pagato il tributo.