giovedì 29 agosto 2013

Fondi alle scuole, 5 Stelle sollecita il Comune

Nel Decreto Legge cosiddetto “del fare” vengono stanziate
risorse da destinare all’edilizia scolastica, per sistemare e potenziare il patrimonio italiano di edifici scolastici e, in particolare, per migliorarne la sicurezza. Un tema che recentemente è stato oggetto di acceso dibattito anche in città.

Su questo tema il Movimento 5 Stelle, attraverso il suo rappresentante feltrino, ha sollecitato nei giorni scorsi l’amministrazione Perenzin: «Dobbiamo approfittare di questa opportunità e presentare tempestivamente i progetti che si ritengono prioritari nell’ambito dell’adeguamento degli edifici scolastici comunali» spiega Riccardo Sartor, consigliere dei 5 Stelle.

Sul tavolo ci sono complessivamente 450 milioni di euro (300 milioni spalmati nel triennio 2014-2016, più una tantum di 150 milioni nel 2014) da distribuire in tutto il territorio nazionale. «Cifre che non rispondono certamente all’insieme delle necessità per far fronte all’allucinante situazione dell’edilizia scolastica italiana, ma sempre meglio che niente» continua Sartor. «E’ anche un’opportunità di lavoro importante per imprese e aziende del settore edile e tecnico».

Sono gli Enti locali (Comuni e Province) a decidere quali istituti necessitano di interventi urgenti e conseguentemente ad utilizzare le risorse. Il primo passo è al 15 settembre, termine entro il quale comuni e province devono presentare alla Regione progetti immediatamente cantierabili. Le Regioni presenteranno le graduatorie entro il 15 ottobre. L’assegnazione sarà poi disposta dal Ministero dell'Istruzione il 30 ottobre. Se gli enti locali non rispettano queste date, e comunque in caso di mancato affidamento dei lavori entro il 28 febbraio 2014, i finanziamenti saranno revocati e andranno a premiare le scuole che seguono in graduatoria.
 

«Mancano quindici giorni al primo step, spero che l’amministrazione si sia già attivata in tal senso. Se non sarà rispettato questo calendario a tappe forzate si perde diritto al finanziamento; non lasciamoci sfuggire questa occasione» conclude il consigliere.

Nessun commento:

Posta un commento