mercoledì 27 marzo 2013

Breve resocondo del Consiglio Comunale del 26 marzo

Quella di ieri sera è stata una seduta del Consiglio Comunale lunga ed impegnativa (è durata 6 ore).
È stato approvato il regolamento sulla partecipazione dei cittadini e sulla creazione dei "Laboratori di Cittadinanza", con un nostro emendamento che rende pubblici gli incontri dei vari laboratori (qualsiasi cittadino, anche se non iscritto al laboratorio, potrà quindi assistere alle riunioni come uditore) e con alcune nostre considerazioni sulla necessità di implementare questo strumento con le nuove tecnologie web internet.
Lo scontro in aula si è acceso quando abbiamo parlato di sanità, con la discussione dell'odg per rivendicare il ruolo e l'autonomia dell'Ulss 2 e per chiedere al comune di Belluno il ritiro della mozione finalizzata a chiedere la fusione delle due Usl provinciali. Noi abbiamo espresso la nostra idea con un passaggio ampio ed articolato, ribadendo ancora una volta che riteniamo corretta e lungimirante la strada della fusione delle due Usl provinciali, con la riduzione dell'apparato dirigenziale-amministrativo, il mantenimento delle attuali strutture ospedaliere presenti sul territorio e una riorganizzazione gestionale dei reparti. La nostra posizione è stata ovviamente criticata dagli altri consiglieri, anche in maniera piuttosto pesante; peccato che pochi siano entrati nel merito della questione concreta, ma abbiano preferito optare per discorsi generici e semplicistici, a tratti provocatori ed aggressivi, con un richiamo (la sinistra ovviamente non se l'è fatto mancare) alla situazione politica nazionale e all'ingresso in Parlamento del M5S. Ordine del giorno approvato con il nostro unico voto contrario.
Poco prima della mezzanotte è stato invece approvato - seppur anche qui con qualche considerazione più politica che di merito - il nostro odg sulla difesa del servizio di trasporto ferroviario provinciale, come presa di posizione contro i numerosi disagi e disservizi, e come segnale volto a chiedere un miglioramento del trasporto pubblico su rotaia, oggi più che mai necessario. 
In conclusione abbiamo illustrato (brevemente, vista l'ora tarda) la nostra interrogazione sulla nuova piastra chirurgica dell'Ospedale; il sindaco ci ha risposto che ha avuto ampie rassicurazioni sul completamento dei lavori e che comunque risponderà con maggiore precisione alle nostre perplessità non appena il dirigente generale dell'Ulss 2 gli fornirà maggiori chiarimenti in merito.

Nessun commento:

Posta un commento