giovedì 13 ottobre 2011

Sulla differenziata, il mancato incontro con il sindaco al centro diuna (voluta?) disinformazione... Facciamo un po’ di chiarezza.



Ci piace la chiarezza. Ne abbiamo fatto, e vogliamo farne sempre di più, uno dei motivi che ci differenziano dalla classe politica attuale, e da un certo tipo di "informazione". Pensiamo farà piacere a chi segue questo blog sapere quali fatti ci sono dietro agli articoli del Gazzettino di questi giorni che ci riguardano. Eccovi quindi una cronaca puntuale di azioni e reazioni. C'e' di che divertirsi.

Il giorno 5 ottobre presentiamo alla stampa alla stampa locale alcune nostre osservazioni sulla raccolta differenziata di Feltre, con tanto di documentazione fotografica. Il giorno dopo non tarda ad arrivare la pronta risposta del sindaco Vaccari: “Una situazione che assolutamente non rispecchia la realtà”.


Il 6 ottobre riceviamo dalla Segreteria del Sindaco una email in cui ci viene notificato che:
“il Sindaco di Feltre avrebbe piacere di incontrare il/i referente/i del Movimento di Feltre per parlare della raccolta differenziata dei rifiuti. Si propone l'incontro per Lunedì 10 ottobre alle ore 18.00 in Municipio”.

Meno di ventiquattr’ore dopo riceviamo una nuova mail dalla Segreteria del Sindaco per ribadire la convocazione dell’incontro:
“Buongiorno, la presente per ribadire la convocazione dell'incontro per Lunedì 10 ottobre alle ore 18.00 presso la Sala Giunta del Municipio di Feltre”

Ci colpisce fin da subito la premura del Sindaco nel voler convocare d’urgenza il Movimento a seguito della nostra uscita sulla stampa. Evidentemente abbiamo toccato un nervo scoperto.

Pronta la nostra risposta, girata per conoscenza anche agli organi di stampa:
Buongiorno, relativamente alla convocazione dell'incontro proposto dal sig. Sindaco, il Movimento 5 Stelle - dopo una consultazione fra i suoi attivisti - ritiene corretto che il Sindaco convochi un incontro pubblico e/o una conferenza stampa per poter replicare, semmai lo ritenesse opportuno, alle preoccupazioni che abbiamo espresso relativamente alla raccolta differenziata. Siamo infatti convinti che, se c'è qualcosa da chiarire e da spiegare, il sindaco dovrebbe rivolgersi direttamente alla cittadinanza tutta, e non solo al Movimento 5 Stelle con un incontro sindaco-attivisti in Municipio. Pertanto, con la presente invitiamo il sig. Sindaco a indire una serata pubblica per parlare approfonditamente di raccolta differenziata con i suoi concittadini, occasione preziosa per ascoltare anche le impressioni e le problematiche dei cittadini che ogni giorno utilizzano questo sistema di gestione dei rifiuti. Noi abbiamo lanciato delle considerazioni sulla base di quello che quotidianamente vediamo nelle isole ecologiche; ora l'amministrazione ne risponda dinnanzi alla città tutta.

Il nostro è stato dunque un chiaro “no” all’incontro sindaco-attivisti, nella prospettiva e nell’auspicio di un incontro pubblico con tutta la cittadinanza, perché riteniamo che la questione non si debba né chiudere né limitare ad un incontro “segreto” nelle stanze del Municipio.

Dunque il Sindaco era perfettamente a conoscenza del fatto che il Movimento 5 Stelle aveva rifiutato l’incontro proposto e pertanto non sarebbe stato presente. E di questo era a conoscenza anche la stampa locale, tant’è vero che la notizia rimbalza il giorno dopo anche sul Corriere delle Alpi. Ma non succede lo stesso sul Gazzettino dove invece l’appuntamento sindaco-attivisti (a sorpresa viene a convocata all’ultimo minuto anche la Comunità Montana Feltrina) viene dato per certo.

Da parte della testata parte quindi un’operazione (volontaria o meno che sia) di disinformazione giornalistica. Che sfocia in un articolo dal titolo “I grillini danno buca a sindaco e Cmfpubblicato a caratteri cubitali nell’edizione di martedì 11. L’articolo è condito dalle dichiarazioni del sindaco sulla nostra assenza e sulle nostre osservazioni in tema di raccolta differenziata (“dimostrano una certa ignoranza”, “forse i disinformati sono proprio i grillini”, “le critiche sono infondate”).

Il sindaco quindi, con la compiacenza del giornale, ha voluto farci passare per quelli che “danno buca”, che non hanno rispetto per chi si è tanto prodigato per realizzare in tempi record un incontro chiarificatore. La realtà invece è ben diversa, come questi documenti dimostrano.

Questo attacco, in fondo, ci fa piuttosto piacere. Se si iniziano a usare contro di noi trucchetti simili, significa che anche a Feltre, come nel resto d’Italia, alcuni politici di professione iniziano a essere preoccupati dal nostro operato. Le comunali del prossimo anno non sono poi così distanti.

E ora che abbiamo spiegato tutto questo, nei prossimi giorni scenderemo nel merito delle affermazioni del sindaco Vaccari sul tema rifiuti, che poi è l’unica cosa di cui ci preme veramente di parlare. Non in stanzette riservate, ma di fronte ai diretti interessati: i cittadini.

Nessun commento:

Posta un commento