giovedì 28 luglio 2011

Webcam installate, riprese vietate: il M5S chiede “libere riprese inlibero consiglio”



A due settimane dalla nostra richiesta, l’amministrazione comunale di Feltre ha predisposto l’installazione di due webcam in sala consiliare affinché le sedute del consiglio comunale - a partire da quella svoltasi questo lunedì 25 luglio - fossero trasmesse in diretta streaming audio e video.

Una soddisfazione per il Movimento 5 Stelle: si tratta di un’iniziativa auspicata in passato da tanti cittadini che finalmente oggi trova compimento. Un esperimento, quello di lunedì, che auguriamo possa continuare in futuro, migliorare dal punto di vista tecnico (nei limiti delle possibilità) e soprattutto diventi prassi per ogni seduta consiliare.

Le webcam in consiglio comunale rappresenteranno finalmente un “occhio vigile” sul lavoro dell’aula e dei consiglieri comunali, nel segno della più completa trasparenza e della piena informazione nei confronti dei cittadini.

Non abbiamo invece digerito il fatto che lunedì – come testimoniato dal video - siano state vietate le riprese della seduta consiliare. E non le riprese di un semplice cittadino, bensì quelle di una televisione locale! All’ordine del giorno c’era anche la discussione sull’incompatibilità del sindaco Vaccari con la carica di senatore della Repubblica, tema caldo della seduta che aveva attirato l’interesse della tv. Ma qualcuno (con quale autorità e con quale motivazione?) ha vietato le riprese video della seduta, contrariamente al modo trasversale con cui si era espresso favorevolmente il consiglio comunale nella seduta dell’11 luglio.

Le webcam sono una possibilità in più per la cittadinanza di avvicinarsi al dibattito politico, ma non sono certamente ragione per impedire o vietare le riprese audio/video da parte dei singoli cittadini, tantomeno degli organi di informazione.

I consigli comunali sono pubblici; l’informazione e la trasparenza dei lavori dell’aula consiliare devono essere garantite anche attraverso la registrazione audio/video, che sia essa effettuata da una webcam fissa, o da un giornalista o da un cittadino qualsiasi.

È proprio per evitare che in futuro possano avvenire simili episodi, chiediamo nuovamente al Consiglio Comunale di esprimersi su questo tema una volta per tutte e di deliberare la possibilità di effettuare riprese video in sala consiliare senza dover richiedere autorizzazione alcuna, modificando così il regolamento del Consiglio Comunale come da noi suggerito con precedente proposta del 13/07/2011.

In sintesi, noi del Movimento 5 Stelle chiediamo “libere riprese in libero consiglio”.

Nessun commento:

Posta un commento