mercoledì 27 luglio 2011

Una palizzata per nascondere l'Altanon. La denuncia del Comitatocittadino



A Feltre è sempre alta l’attenzione del Comitato di cittadini che si oppone alla cementificazione dell'area Altanon. Dopo aver denunciato le dimensioni del progetto edilizio qualche giorno fa (circa 170mila metri cubi), oggi il Comitato è tornato alla carica segnalando una questione che è destinata a far discutere.

In questi giorni, infatti, l’area Altanon è stata completamente recintata con una palizzata di legno alta circa due metri che ne preclude la visione e l'accesso ai cittadini. "Sembra che abbiano già iniziato il cantiere" tuonano dal Comitato, che denuncia nuovamente il mancato coinvolgimento della popolazione su questo tema. "Quello che ci era stato promesso, ovvero un discorso di apertura alla città, non c’è stato. La palizzata è la risposta alle nostre richieste?".

Ad infastidire il Comitato è soprattutto il fatto che "oltre all’area privata sia stata recintata e chiusa anche l’area pubblica, di gestione comunale, che è sempre stata abbandonata e che invece avrebbe dovuto essere tenuta nelle condizioni adeguate". Un'area che "dovrebbe essere a disposizione della città e che invece è a disposizione del privato, che può tranquillamente recintarla con una palizzata in legno di due metri (che fra l’altro non è nemmeno un bel biglietto da visita per Feltre).

Ad autorizzare l'installazione della palizzata è una delibera della giunta comunale che la ritiene indispensabile al fine di mettere in sicurezza l’area ed evitare che diventi una discarica. Ma le perplessità su questa recinzione sono tante. Impossibile vederci chiaro per il Comitato:  "il modo per evitare che un luogo come questo diventi una discarica è una soluzione di questo tipo? Perchè altrimenti dovremo chiedere che tutte le aree a rischio discarica, e in primis le isole ecologiche, siano recintate in questa maniera. Un sistema per impedire che l’inciviltà di qualche cittadino danneggiasse la città ci sarebbe stato: quello di imporre una pulizia dell’area, ma l’amministrazione sta dimostrando di essere incapace a gestire il decoro pubblico".

Il Comitato si avvia verso le conclusioni e lancia un affondo. "Questa è forse la risposta più evidente della volontà amministrativa, che non è quella di coinvolgere ed essere trasparenti, ma è appunto quella di nascondere. Una palizzata per nascondere l’Altanon, questa è forse la vera risposta di tutta questa operazione".

Infine l'amara conclusione. "Qui c’era la necessità di coinvolgere veramente tutta la città – e lo dimostra il risultato che abbiamo avuto con i banchetti, con la raccolta delle firme, con tante iniziative che hanno avuto risposte oltremodo positive - ma evidentemente hanno già deciso".

Nessun commento:

Posta un commento